La Salvia Officinalis, il nascondiglio di Gesù Bambino

Previous Next

La leggenda narra che, durante la fuga in Egitto, per sfuggire ai soldati di Erode, Maria e Giuseppe cercassero un nascondiglio per nascondere il loro Bambino. Tutte le piante si rifiutarono di ospitarli, solo la salvia li accolse sotto le sue foglie proteggendoli dalla furia dei soldati. Ed allora la Vergine Maria per ringraziarla le donò il potere di guarire tutti i mali e di insaporire cibi e bevande.

Ancora oggi la pianta è molto usata per le sue molteplici proprietà terapeutiche. Cura la sindrome premestruale, i disturbi della menopausa, in particolare le caldane, ma è anche digestiva ed efficace contro i disturbi della bocca come ascessi e gengiviti.

La Salvia Officinalis è una pianta perenne erbacea appartenente alla famiglia delle Lamiaceae: il suo nome deriva da Salvus, che significa sano. I galli ritenevano che curasse tutte le malattie, in particolare febbre e tosse.

In Cina è ritenuta una pianta più preziosa del tè, tanto che i cinesi erano soliti scambiare tre cesti di quest'ultimo con uno di salvia.

Curiosità

Gli antichi ritenevano che resuscitasse i morti, per cui era considerata tanto sacra da poter essere raccolta solo da pochi eletti.

 

Tisana alla salvia

  • 10 foglioline di salvia
  • 250 ml di acqua

Versare l'acqua bollente in una tazza contenente le foglie di salvia. Lasciare in infusione per qualche minuto, filtrare e bere la tisana calda, eventualmente addolcita con un cucchiaino di miele.

 

Ravioli di zucca e patate con la salvia

Ingredienti per 4 persone

  • 250 gr di farina
  • 2 uova + 1 per il ripieno
  • 200 gr di zucca
  • 2 patate medie
  • 2 cucchiai di formaggio grattugiato
  • 7/8 foglie di salvia
  • Sale
  • Pepe
    Noce moscata
  • 80 gr di burro
  • Olio Evo

Impastare farina ed uova, tirare una sfoglia piuttosto sottile e con un coppapasta piccolo ricavare 32 dischi.

Nel frattempo lessare le patate e far appassire con un filo d' olio la zucca a pezzetti. Una volta cotte, schiacciarle con una forchetta, amalgamarle con l'uovo ed il formaggio, aggiungervi un pizzico di spezie ed un poco di sale.

Con l'aiuto di un sac a poche, farcire 16 dischi di pasta e ricoprirli con i restanti 16, avendo cura di sigillare bene i bordi. Lessare in abbondante acqua bollente, scolare e condire i ravioli con il burro precedentemente fuso in un padellino e insaporito con la salvia. Servire dopo averli cosparsi con una spolverata di formaggio grattugiato.