Secondi

Tortino di fagioli su fonduta di provolone del Monaco e cipolle caramellate

Tortino di fagioli su fonduta di provolone del Monaco e cipolle caramellate

di Elisabetta La Cerra

Ingredienti per 4 persone

  • 300 g di fagioli bianchi lessati
  • 50 g di formaggio grattugiato
  • 1 uovo intero
  • 1 rametto di rosmarino fresco
  • 50 g di pancetta tesa
  • Olio evo
  • Sale
  • Pepe

Per le cipolle caramellate

  • 200 g di cipolle rosse
  • 30 g di zucchero di canna
  • 10 g di miele
  • 4 cucchiai di acqua

Per la fonduta

  • 100 g di Provolone del Monaco
  • 100 g di panna
  • 160 g di latte intero fresco

 Preparazione

Preriscaldate il forno a 190°. Nel frattempo fate sgocciolare i fagioli in un colino in modo da eliminare ogni residuo del liquido di cottura. In una padella scaldate due cucchiai di olio extravergine d’oliva, unite le erbe aromatiche e la pancetta tagliata a dadini, fate dorare a fuoco dolce. In un mixer frullate i fagioli, il soffritto e l’uovo. Unite il formaggio grattugiato, il pepe e frullate ancora. Controllate la sapidità. Versate il composto di fagioli negli stampini imburrati che avete scelto. Fate cuocere in forno per 20 minuti in modalità ventilata a 180º. Lasciate poi riposare e raffreddare qualche minuto, quindi sformate.

Preparazione cipolle caramellate

Tagliate le cipolle a fettine sottili, mettetele in un padellino con lo zucchero di canna e l’acqua. Lasciate cuocere a fuoco dolce finché la cipolla non sarà tenera. Aggiungete il miele e fate caramellare.

Preparazione della fonduta

Ponete la panna, il latte e il provolone del Monaco precedentemente tagliato a pezzi in una pentola e fate cuocere a bagnomaria per 20-25 minuti, spegnete e frullate.

Composizione del piatto

Disponete su ogni piatto la fonduta di provolone del Monaco, adagiate il tortino al centro, finite con le cipolle caramellate e una macinata di pepe nero.

Amiamo la cucina del Sud Italia per il suo essere gustosa e ricca di biodiversità, ma anche culla di cultura, storia e storie importanti.
Vogliamo raccontarvelo tutto questo nostro territorio, attraverso la cucina e l’agroalimentare, non perdendo mai di vista bellezze naturalistiche e beni architettonici.

Privacy Policy