Primi

Fettucce con zucchine e gamberoni su vellutata di Datterini gialli e rossi

Fettucce con zucchine e gamberoni su vellutata di Datterini gialli e rossi

di Pier Paolo Petrella

Ingredienti per 2 persone 

  • 180 g di Fettucce
  • 100 g di Datterini rossi
  • 100 g di Datterini gialli
  • 6 gamberoni
  • 1 zucchina
  • ½ tazzina di Brandy
  • 2 scalogni
  • 1 cucchiaino di Pecorino
  • 3 spicchi d'aglio
  • Timo
  • Origano
  • 2 cucchiaini di pinoli
  • Prezzemolo
  • ½ costa di sedano
  • ½ carota
  • Sale
  • Olio evo
  • Peperoncino

Preparazione

Pulire i gamberoni e con le teste preparare un brodo: soffriggere prima la carota, il sedano e metà scalogno, poi aggiungere le teste, rosolare e sfumare con il Brandy. Aggiungere un paio di bicchieri d'acqua e cuocere per 45-50 minuti, finché non si restringe.

In una padella scottare i gamberi con olio, aglio, mezzo scalogno e timo. Salare, pepare e conservare in un piatto con pellicola o in un contenitore chiuso. 

Preparare la vellutata. In una padella soffriggere olio, aglio, mezzo scalogno, timo e basilico, aggiungere i pomodorini tagliati a metà e cuocere a fuoco dolce per 20 minuti circa. Salare, pepare, unire un pizzico di origano e frullare il tutto con qualche cucchiaio di brodo dei gamberoni e un cucchiaino di Pecorino. Una volta frullato, filtrare con un colino e conservare. 

Mettere l'acqua a bollire. Grattugiare la zucchina e saltarla in padella con olio e uno spicchio d'aglio, mezzo scalogno e timo. Allungare con un po’ di brodo di crostacei. Salare e pepare. Scolare la pasta un paio di minuti prima del tempo di cottura indicato e amalgamare alle zucchine con un mestolo di acqua di cottura. Terminare la cottura.

Impiattamento

Riempire il fondo del piatto con la vellutata ed adagiarvi le fettucce con zucchine. Concludere con gamberoni, pinoli tostati e una foglia di prezzemolo.

 

Image
Amiamo la cucina del Sud Italia per il suo essere gustosa e ricca di biodiversità, ma anche culla di cultura, storia e storie importanti.
Vogliamo raccontarvelo tutto questo nostro territorio, attraverso la cucina e l’agroalimentare, non perdendo mai di vista bellezze naturalistiche e beni architettonici.

Privacy Policy