Dolci

Brioche a ferro di cavallo

Brioche a ferro di cavallo

Testi e foto di Claudia Bonasi

Uno dei grandi classici della colazione all'italiana è la brioche a ferro di cavallo, che potete trovare anche nella versione lunga e dritta. Più che un dolce di pasticceria è un prodotto che troverete facilmente in panetteria, per la sua semplicità estrema. Era uno dei dolci prediletti da portare a scuola, avvolta nella carta del pane sottile, unica vera alternativa dolce alla classica pizzetta (avvolta invece quest'ultima nella carta oleata). La forma a ferro di cavallo favoriva la divisione in due parti uguali di questa brioche e spesso si vedevano in giro bambini farla a metà, in tempi in cui la condivisione di questo che oggi chiameremmo "cibo da strada" era all'ordine del giorno. Vi proponiamo la ricetta della brioche a ferro di cavallo di una delle panetterie più famose di Cava de' Tirreni, "Tutto il gusto del buon pane".

 

Brioche a ferro di cavallo della panetteria Tutto il gusto del buon pane, Cava de’ Tirreni

Ingredienti

  • 1 kg di farina 00
  • 150 g di zucchero + 3 cucchiai

per la decorazione

  • 10 g di sale
  • 30 g di lievito di birra
  • Aroma brioche
  • 2 uova
  • 80 g di burro

Procedimento

Mettete tutti gli ingredienti nella planetaria - eccetto il sale che va aggiunto solo a metà impasto - fino a raggiungere una consistenza molto elastica della pasta. Mettete a riposare l'impasto per una buona mezz'ora. Prendete l'impasto così riposato e date la forma a ferro di cavallo alle brioche. Lasciatele riposare ancora per 4 ore, dopo di che le infornate a 180 gradi per 15 minuti, e comunque fino a che la superficie della brioche diventa dorata.

Una volta che la brioche è cotta, passate il dito bagnato sulla superficie prima di passarla nello zucchero, in modo che lo zucchero aderisca bene al dolce.

Amiamo la cucina del Sud Italia per il suo essere gustosa e ricca di biodiversità, ma anche culla di cultura, storia e storie importanti.
Vogliamo raccontarvelo tutto questo nostro territorio, attraverso la cucina e l’agroalimentare, non perdendo mai di vista bellezze naturalistiche e beni architettonici.

Privacy Policy