Contro il freddo agrumi e frutta secca, amici della pelle

Contro il freddo agrumi e frutta secca, amici della pelle

Non ci sono più le mezze stagioni! Recita così un antico proverbio popolare, oggi più vero che mai.  

Sempre più spesso, infatti, i cambi di stagione si rivelano repentini ed improvvisi e la pelle, altrettanto frequentemente, è impreparata ad accogliere una così drastica differenza di temperatura e condizioni climatiche.

In inverno non si è tanto coccolati dal sole, dal quale pure bisogna sempre proteggersi!

Ci si copre di più con sciarpe e maglioni, e si tende anche a mangiare in maniera meno leggera, prediligendo cibi gustosi e saporiti.

Freddo e vento sono condizioni climatiche non ideali per la cutem, che in inverno appare spesso più secca e rovinata e richiede una cura particolare, soprattutto per chi ha la pelle più sensibile e delicata.

“Aiutare la pelle a resistere al freddo è possibile anche a tavola”: parola della dottoressa Elisabetta Fulgione, specialista in dermatologia e venereologia presso l’Università degli Studi “Luigi Vanvitelli” di Napoli e consigliere nazionale SIME - Società Italiana di Medicina Estetica.

Come?

Scegliendo ogni giorno alimenti che consentono di rinforzare le nostre difese immunitarie, ristrutturare la nostra barriera cutanea e supportare il nostro sistema vascolare.

Cosa non deve mancare, dunque, sulla nostra tavola per aiutare la pelle a resistere alle aggressioni del freddo?

Per contrastare le basse temperature la natura come sempre ci viene in aiuto, regalandoci prodotti ideali per difendere il nostro organismo e la nostra pelle.

Poiché lo shock ipotermico aumenta la produzione di radicali liberi, è importantissimo consumare cibi ricchi di vitamina C, antiossidante naturali come arance, mandarini, limoni, pompelmi, melograno e prezzemolo.

Ne rafforzano e proteggono l'effetto il selenio e la vitamina E, che ritroviamo nei cereali integrali, nel burro crudo (ne basta un ricciolo al giorno, spalmato sul pane integrale a colazione) e nella verdura a foglia verde.

La rigidità del clima, inoltre, provoca un rallentamento del metabolismo cutaneo e una riduzione della produzione di sudore e sebo, con il risultato che il naturale film protettivo della pelle si impoverisce. Come nutrirlo?

È utile introdurre con la dieta acido linoleico e acidi grassi polinsaturi. L'acido linoleico lo ritroviamo nell’olio extravergine d'oliva, mentre i polinsaturi si trovano negli oli monoseme (di soia, di girasole e di lino), nel pesce e nella frutta secca come le mandorle, le nocciole, gli anacardi e le noci.

Per il pranzo e per la cena la dott.ssa consiglia le carote: sono preziose perché attivano le capacità di autodifesa della cute grazie al contenuto in provitamina A.

Altri alleati anti-freddo?

I più tipici ortaggi di stagione: oltre alle carote le verze, i cavolfiori e i broccoli con le loro attività antiossidanti ed antinfiammatorie.