Antonino Esposito e le sue sfumature di pizza

Antonino Esposito e le sue sfumature di pizza

In estate la Costiera Sorrentina diventa meta da sogno. Scogliere rocciose a picco sul mare, spiagge incontaminate, pescato freschissimo di giornata, profumo di limoni e…di pizza.  Sì perché nella baia di Marina Piccola, a pochi passi dal porto, il maestro pizzaiolo Antonino Esposito accoglie turisti e clienti in arrivo da ogni parte del mondo da Acqu’e Sale la sua “casa sempre aperta” dove dal 2015 porta avanti un’instancabile ricerca sugli impasti e la cucina territoriale di qualità: classe 1968, volto di Alice Tv e inventore della Frusta Sorrentina, oggi Antonino Esposito è il maestro pizzaiolo che più di ogni altro detta tendenza nel mondo dell’arte bianca. 

Il locale è concepito per offrire tre diverse esperienze gastronomiche. Acqu’e Sale è pizzeria e frusteria con due grandi forni a legna, è ristorante con cucina e ampio bancone a vista e bar aperto dalle prime ore del mattino fino alla tarda sera. E’ qui che Antonino Esposito lavora con gesti calibrati il suo impasto, conferendo al panetto forme originali. Punta di diamante è la Frusta Sorrentina, formato originale di pizza coperto da brevetto internazionale dal 1996, caratterizzata da una forma allungata chiusa al centro e alle due estremità con un pizzico e pensata per esaltare al meglio abbinamenti e ingredienti della Penisola sorrentina: la colatura di alici di Cetara, scaglie di limoni di Sorrento Igp, perline di mozzarella, stracciatella di burrata e noci di Sorrento.

Grande attenzione è dedicata anche all’impasto, realizzato con farine biologiche di Tipo 0 e Tipo 1, selezione cereali, integrale, farro, canapa, grano arso, tumia, russello, segale, senza glutine e preparato utilizzando la pasta di riporto rinfrescata quotidianamente lasciata riposare per un tempo di almeno 48 ore. Ma non è tutto. Ogni panetto è anche personalizzabile su richiesta del cliente con birra artigianale di Sorrento, infusi di limone di Sorrento Igp, vino di Gragnano e finocchietto selvatico.

Caratteristiche uniche che hanno conquistato anche il palato dei milanesi perché Antonino ha aperto anche nel capoluogo Lombardo ad inizio 2019. Il locale si chiama “Così Fa” ed è in via Solferino: qui per la pizza viene declinata nelle forme più stravaganti, in menu non ci sono le classiche pizze tonde della tradizione ma ovali, quadrotti, fagotti, ciambelle e bouquet. Interessanti variazioni di pizza pensate per appagare lo sguardo e il palato, perfette da gustare con un calice di vino campano o in abbinamento ai drink realizzati su misura dalla barlady del locale. La fama  del pizzaiolo sorrentino ha sedotto anche la città di Firenze dove è possibile assaggiare le sue creazioni nella Food Court Godi Fiorenza. 

RICETTE

MONTANARA

Ingredienti

  • 300 g di pasta per la pizza
  • 70 g di fior di latte
  • 80 g di pomodoro pelato
  • Parmigiano
  • Basilico fresco

Ingredienti per la pasta della pizza:

  • 1 l di acqua effervescente naturale
  • 1,5 farina tipo 0
  • 3 g di lievito
  • 20 g di sugna

Procedimento

Stendere l’impasto della pizza conferendo al panetto una forma ovale. Friggere in abbondante olio bollente. Completare la pizza con pomodoro, fior di latte e basilico.

 

PIZZA TONDA

Ingredienti per la pasta della pizza:

  • 1 l di acqua effervescente naturale
  • 1,5 farina tipo 0
  • 3 g di lievito
  • 20 g di sugna

Ingredienti per guarnire la pizza:

  • Mozzarella
  • Pomodorini
  • Scarola riccia 

Dopo avere impastato acqua, farina, lievito e sugna, riporre l’impasto in frigo per 24 ore.

Formare un panetto di circa 280 g. Riscaldare il forno di casa al massimo della temperatura (circa 250/300 gradi). Stendere l’impasto e informarlo, non appena prende colore tirarlo fuori dal forno e guarnirlo con mozzarella.

All’uscita dal forno aggiungere i pomodorini e la scarola riccia.